All’elementari addio ai voti nelle pagelle. In arrivo i giudizi

0
90

Tra pochi giorni sarà tempo di pagelle del primo quadrimestre alle scuole primarie, ma con una grande novità: tornano i giudizi descrittivi al posto dei voti in decimi, che erano stati ripristinati nel 2008 dall’allora ministra dell’Istruzione Mariastella Gelmini. Dopo tanti anni i voti saranno depennati.

Nell’ordinanza dello scorso 4 dicembre, firmata dall’attuale ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, sono stabiliti quattro gradi di valutazione. Ecco come fuzioneranno: 

Avanzato: per i bambini più bravi, quelli da 9 o 10 nei compiti e nelle verifiche orali. Insomma rappresenta il massimo.

Intermedio: per i compagni da 7/8 che dovranno perfezionare il loro metodo di studio per salire al livello successivo.

Base: corrisponderà alla sufficienza, più o meno. L’alunno ha acquisito i concetti di base, appunto.

In via di prima acquisizione: sarà il giudizio per i bambini che devono ancora colmare le loro lacune (quelli insufficienti).

La ministra Azzolina ha dichiarato che questi giudizi riusciranno ad aiutare di più i bambini nella comprensione dei propri errori e il successivo miglioramento di essi.