ALTROVE: parte il secondo weekend del Nomad Music Festival

0
150

Mettere insieme musica da tutto il mondo con buon cibo locale per creare una nuova scena musicale e culturale a Palermo, è questa l’ambizione del Nomad Music Festival che arriva al secondo weekend di programmazione e da domani fino a sabato rivitalizzerà alcuni luoghi della città.

Venerdì 10 marzo, l’evento di punta della settimana, sarà a Villa Pottino sempre dalle 20, con l’americano Awesom Tapes, la dj polacca Kornelia Binicewicz in arte Ladies On Record e il palermitano Gabriele Giannetto – nonché direttore artistico della kermesse.

Il fine settimana nomade si concluderà sabato 11 marzo dalle 19, al Santamarina, con Mistical Sound e le Skanking Warriors.

I due dj di punta della settimana si esibiranno venerdì 10 Marzo: Kornelia Binicewiz, in arte Ladies on Records, dj polacca, che seleziona solo musica in vinile di artiste turche e orientali e a seguire la performance musicale di Awesome Tapes che porterà a Palermo il suo particolare dj set in cassetta. Awesome Tapes from Africa creatore dell’omonima etichetta discografica ha studiato etnomusicologia in Ghana portando alla luce musica africana che altrimenti sarebbe andata perduta e che adesso condivide in giro per il mondo per far conoscere ai più sonorità africane molto interessanti e inedite.

Il giorno precedente ai party sono previste le preview in alcuni bar e ristoranti della città con le selezioni musicali affidate a varie organizzazioni locali. Le aziende siciliane che supportano il giovane collettivo con delle partnership sono Valdibella, Etnatwist e Dalloro. La visione del festival è di ampio respiro, il format ha dunque una visione globale ed una matrice locale.

Il Festival è stato fortemente voluto da un collettivo di trentenni palermitani amanti delle sonorità brasiliane, africane, indiane e sudamericane che da circa dieci anni selezionano e ricercano musica in vinile online o in giro per il mondo.

«Dieci anni fa circa – dice Gabriele – abbiamo cominciato a collezionare vinili e a poco a poco, timidamente, abbiamo organizzato eventi privati e pubblici. L’obiettivo adesso è quello di creare una nuova comunità di persone che si riconosca a partire dai suoni, inevitabilmente diversi da quelli a cui siamo abituati ad ascoltare durante gli eventi».

Un occhio di riguardo anche per il cibo, grazie alla collaborazione con la cucina naturale La cucina di Alù di Alessandra Prestigiacomo.

Durante i party, che iniziano alle ore 20, è possibile gustare le loro specialità realizzate tutte con prodotti a chilometro zero e biologici.