Calcio a 5, serie B. Tutto facile per il Città di Palermo: 5-1 contro il Canicattì

0
138

Tutto più facile del previsto per il Città di Palermo, che nel match valevole per la seconda giornata di ritorno del campionato di Serie B (Girone H), vince senza eccessiva difficoltà contro il Canicattì. 5-1 il punteggio per la formazione allenata da mister Cappello che fotografa una supremazia netta dei rosanero, in partita dal primo all’ultimo minuto e soprattutto determinati a riscattare le due ultime sconfitte consecutive che ne avevano frenato la corsa. La vittoria consente a Torcivia e compagni di guardare con fiducia al match di recupero contro la PGS Luce di Messina, in programma martedì (ore 19, sempre al PalaOreto). A fare la differenza fra Città di Palermo e Atletico Canicattì è stato probabilmente l’atteggiamento. Grintoso, concentrato quello dei rosanero, non al massimo della tensione quello di biancorossi, che – così come ha sportivamente ammesso a fine match il presidente Vincenzo Urso – sono mancati proprio nella determinazione, loro principale arma di tantissime sfide.

Il primo tempo è stato praticamente un monologo rosanero: va in rete prima Vincenzo Restivo, su assist al bacio di Marco Torcivia, poi c’è da spellarsi le mani in occasione del secondo gol: ancora Torcivia detta il lancio, Napoli con un bel tiro di prima intenzione buca ancora la porta di Orlando. Passa qualche minuto e il Palermo arrotonda con Bartolo Rizzo. Si va al riposo, pertanto, sul 3-0 che appare lo specchio fedele di cià che è successo nel primo tempo. Tutto finito? No, affatto, perché dopo soli 15” il Canicattì accorcia con il tuttofare Aleandro La Rosa (ottima la sua partita), che trafigge l’esordiente Gabriele Catalano, autore anch’egli di una prestazione attenta e positiva. Il Canicattì produce il suo massimo sforzo per mettere alle corde il Città di Palermo.

Per una parte della ripresa sembra che il match possa essere ancora aperto perché gli uomini di mister Castiglione ci credono. Poi però, arriva l’uno-due dei rosanero che chiude definitivamente la contesa. Montevago prima e Montelli poi mettono il punto esclamativo su una partita cominciata bene e finita meglio. A fine partita sono sorrisi e volti distesi. La vittoria ridà fiato alle trombe palermitane, che ora dovranno mostrare solo continuità per centrare gli obiettivi di inizi stagione, che sembrano assolutamente alla portata dei rosanero di Cappello.