Lutto per la corona di Inghilterra: è morto il principe Filippo

0
301

Un ritratto ufficiale in bianco e nero in alta uniforme, fiero ed elegante, con un accenno di sorriso che non spesso siamo stati abituati a vedere. Così Buckingham Palace annuncia con un comunicato ufficiale la morte del Principe consorte di Inghilterra e Duca di Edimburgo, Filippo Mountbatten.

E’ con profondo dolore che sua Maestà la Regina ha annunciato la morte del suo adorato marito, Sua Altezza Reale il Principe Filippo, Duca di Edimburgo. Sua Altezza Reale è morta serenamente questa mattina nel castello di Windsor. La famiglia reale si unisce alle persone di tutto il mondo per piangere la sua perdita.

© The Royal Family IG

Filippo Montbutten, nato Filippo di Grecia e Danimarca, nipote del re di Grecia Costantino è sempre stato mostrato al mondo come il Principe Consorte e qualche appassionato della Casata Windsor ha potuto probabilmente apprezzarlo meglio grazie al ritratto fatto dall’ultima opera di Netflix, da grandi numeri e successi, “The Crown“. Seppur con qualche inesattezza storica e con qualche, forse pesante, romanzata della storia dei sovrani di Gran Bretagna, la figura del principe consorte è riuscita ad emergere da un’ombra forse troppo persistente.

Sempre un passo indietro per lui, rispetto alla moglie e sovrana del Regno Unito, per lui che si è sposato con quella sua lontana cugina, figlia del re di Inghilterra, per intercessione dello zio Mountbatten, ultimo vicerè d’India. Si conoscevano sin da piccoli e alla vigilia della seconda guerra mondiale, nel luglio 1939, re Giorgio VI visitò l’accademia militare dove Filippo era un cadetto, ed insieme a lui c’era anche Elisabetta. I due giocarono a croquet insieme e scoppiò la scintilla. Lei gli scrisse durante gli anni della guerra, dove lui si distinse in battaglie navali nel Mediterraneo e alla fine del conflitto, il re approvò le nozze.

Si è spento a 99 anni (100 li avrebbe compiuti il prossimo 10 giugno, ndr), il Duca di Edimburgo, altro titolo concessogli dalla moglie per dargli quella dignità e quel ruolo che gli spettava e che ha portato sempre con rispetto.

Principe delle gaffe per quelli che ricordano le sue uscite un po’ eccentriche durante gli appuntamenti ufficiali, un animo tormentato di un uomo che si è sentito il peso della Corona non portandola però mai sul capo. Una vita fatta di etichette, rinunce (come quella di dare il suo cognome ai figli) ma anche una vita all’inseguimento della modernità e dello svecchiamento del palazzo di Londra.

73 anni a fianco di “Lilibet”, come chiamava la Regina, un vezzeggiativo che solo lui poteva permettersi. Un rapporto fatto di luci ed ombre, che lo ha reso però una vera colonna per la sua sovrana, un supporto per questi anni al comando di una nazione e di una famiglia numerosa e spesso al centro di scandali.

La salute cagionevole di questi ultimi anni lo ha costretto a ritirarsi dalla vita pubblica e quest’ultimo periodo aveva anche subito un intervento al cuore per cui è stato ricoverato fino a qualche settimana fa. Con il Principe Filippo se ne vanno via quasi cent’anni della storia della monarchia inglese e il suo record di longevità come principe consorte.