Musica, online il videoclip di “Odio”: il brano estratto dall’album d’esordio del cantautore siciliano Carmelo Piraino

0
58

Oggi esce il videoclip di “Odio” (regia di Massimo Scalici), brano estratto dall’album d’esordio di Carmelo Piraino, “Non so se posso” : “‘Odio’ racconta la pesantezza di sentirsi insoddisfatti, sentimento che spesso sfocia nell’odio. Conseguenza non così scontata, ma bisognosa di esternazione. Sentire odio, così come amore, e nasconderlo, comprimerlo, cercare di renderlo blando non lo farà morire. Cantare l’ignobile sentimento forse è l’unica azione propedeutica che davvero valga la pena provare per annientare il vuoto provocato dal non sentirsi mai abbastanza. Anche per questo motivo ho scelto di puntare su un video così essenziale: io, la mia voce e la chitarra per raccontarmi in modo intenso”, spiega il cantautore siciliano.

Questo brano è un tassello di tutte le sfaccettature dell’anima di Piraino che tenta di trovare un senso nel quadro completo dell’album, che si compone di nove brani provocatori ed ironici, che racchiudono, appunto, la vita e i sentimenti del cantautore: “un senso tra ragione e sentimento, tra realtà e fatalismo, tra l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande, tra un bel tramonto e l’universo e tutti quei mille dubbi che ci appartengono come esseri umani. Sono tutti i contrasti e le sfumature del mondo – spiega Carmelo Piraino.

Canzoni personali, sincere che ruotano attorno al pentimento, alla perdita, al rammarico, alla tristezza, all’inadeguatezza ma tutto filtrato da un’allegria melodica che rende tutto delicatamente fruibile all’ascolto: “sono brani che parlano di me e della mia difficoltà di mettere a nudo le mie emozioni – prosegue il cantautore -. Per questo ho riflettuto un paio d’anni, prima di decidere di far uscire il mio primo disco con il titolo più sincero che potessi trovare “Non so se posso”. Un disco che rispecchia la mia titubanza a mettermi in prima linea e mettermi in gioco anche come interprete delle mie stesse canzoni.

Al disco hanno partecipato hanno collaborato Manfredi Tumminello (chitarre e basso) e Manfredi Caputo (percussioni), prodotto da Massimo Scalici.