Teatro Massimo: dal 17 al 24 gennaio “La traviata” di Giuseppe Verdi

0
166
ph © rosellina garbo 2017

Da martedì 17 gennaio alle 20 torna in scena a Palermo il fortunato allestimento prodotto dal Teatro Massimo de La traviata, il melodramma in tre atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Francesco Maria Piave, tratto dal dramma La Dame aux camélias di Alexandre Dumas figlio. Le sette recite che impegnano OrchestraCoro Corpo di ballo del Teatro sono affidate alla bacchetta del direttore Carlo Goldstein coadiuvato dal Maestro del Coro Salvatore Punturo e dal Direttore del Corpo di ballo Jean-Sébastien ColauFrancesco Zito e Antonella Conte firmano le eleganti scenografie e i costumi, realizzati nei laboratori scenografici e nella sartoria del Teatro Massimo e ispirati agli anni d’oro della Palermo del Liberty e dei Florio. Le luci sono di Bruno Ciulli. Coreografie di Gaetano La Mantia. Repliche fino al 24 gennaio.

A interpretare la coraggiosa e “sempre libera” protagonista dell’opera, Violetta Valery, è il soprano georgiano Nino Machaidze, che si alterna nelle recite successive con una beniamina del pubblico palermitano Jessica Nuccio (18, 19, 21), mentre Germont è il baritono Roberto Frontali e in replica Francesco Vultaggio (18, 19, 21, 24)L’amato Alfredo è Saimir Pirgu e nel corso delle sette repliche Giulio Pelligra (19, 24) e Alessandro Scotto Di Luzio (18, 21).

Completano il cast Tonia Langella (Flora),  Blagoj Nacoski (Gastone), Italo Proferisce (Il Barone Douphol), Luciano Roberti (Il marchese d’Obigny), Andrea Comelli (Il dottor Grenvil), Francesca Manzo (Annina), Alfio Vacanti e Carlo Morgante (Giuseppe), Antonio Barbagallo ed Enrico Cossutta (Un domestico di Flora / Un commissionario), Francesca Davoli e Lucia Ermetto (Zingarella), Michele Morelli e Diego Millesimo (Matador).

ph © rosellina garbo 2019

Opera di grande lirismo, La traviata con Rigoletto Il trovatore, compone la cosiddetta “trilogia popolare” di Verdi e dopo un clamoroso “fiasco” al debutto a Venezia nel 1853 ha raccolto, nei suoi 170 anni di vita, trionfi e consensi in tutti i teatri del mondo ed è considerata ai vertici di tutta la produzione verdiana. Ancora oggi commuove anche il più disincantato degli ascoltatori e ha una fortissima presa sul pubblico. Il libretto di Piave, intitolato inizialmente “Amore e morte” e poi modificato in La traviata, racconta il dramma della contrapposizione tra la libertà di amare e le rigide e mortifere convenzioni sociali che non contemplano la passione. Nell’opera le vicende della vita vera di Marie Duplessis (la cortigiana parigina che ispirò Dumas) danno vita, trasfigurate, al personaggio romantico di Violetta Valery, donna generosa e anticonformista che decide di sacrificare il suo amore in favore dell’onore di Alfredo e della sua famiglia dopo avere sfidato la morale benpensante della società borghese del tempo.

La traviata” è anche la storia più autobiografica di Verdi: nei contrasti tra Alfredo e il padre si ritrovano quelli tra il compositore e il suocero Antonio Barezzi, padre della prima moglie di Verdi, che fu sempre una vera figura paterna per il musicista. La lettera di risposta di Verdi al suocero, preoccupato dai pettegolezzi che giravano a Busseto sulla sua relazione con il soprano Giuseppina Strepponi, contiene già in nuce tutta la vicenda della “Traviata”: una donna dal passato non limpido – Giuseppina aveva due figli da una precedente relazione – e un uomo dal promettente futuro che vivono, tentando di sfuggire al mondo, lontano da tutti. Diversamente dalla sorte di Violetta, quella di Giuseppina Strepponi fu più felice: non le furono risparmiati i tormenti della gelosia, ma per Verdi rimase comunque fino alla morte una indispensabile compagna affettuosa e intelligente.

Martedì 17 gennaio, a partire dalle 20, l’opera sarà trasmessa in diretta streaming sulla WebTV del Teatro Massimo, diretta da Gery Palazzotto con la regia di Antonio Di Giovanni e l’editing di Davide Vallone.

Durata: 3 ore, compresi due intervalli
(I atto 35’; intervallo 20’; II atto 70’; intervallo 20’; III atto 30’)
Infohttps://www.teatromassimo.it/event/la-traviata/

Incontri e laboratori
Precedono il debutto dell’opera due incontri di introduzione all’ascolto: giovedì 12 gennaio alle ore18:00 in Sala Onu la scrittrice Beatrice Monroy racconta La traviata di Giuseppe Verdi insieme agli attori Stefania Blandeburgo e Gigi Borruso. Mentre venerdì 13 gennaio alle 18 in Sala OnuMassimo Privitera, docente di discipline musicologiche dell’Università di Palermo parla de La traviata in un incontro a cura dell’Associazione Amici del Teatro Massimo.

Domenica 22 gennaio dalle 17:30 in Sala degli Stemmi è in programma il laboratorio dedicato ai bambini (6-10 anni) a cura di Francesca Cosentino (testi e narrazioni), in cui viene narrata la trama dello spettacolo, si ascolta la musica dell’opera, si disegna, si fa merenda e si assiste ad alcuni momenti dell’opera. Animazioni di Gisella Vitrano, illustrazioni di Giuseppe Lo Bocchiaro, interventi cantati di Sonia Sala.

Info e prenotazioni al 329 7260846.