Giornata mondiale contro il fumo 2021: gli eventi per parlare di prevenzione e danni del tabacco

0
458

Solo chi è passato da questa dipendenza (o da altre simili) sa che smettere di fumare non è affatto semplice, soprattutto perché all’inizio l’astinenza dalla nicotina rende inquieti, irritabili, depressi o stanchi con scarsa capacità di concentrazione e assenza di sonno. In occasione della Giornata mondiale anti fumo che si svolge, oggi, 31 maggio, l‘Oms ha scelto come tema lo slogan “Commit to Quit”, ovvero impegnarsi a smettere.

In merito al possibile aumento di peso conseguente alla decisione di smettere di fumare, usato come scusa dai fumatori, in realtà, i vantaggi sulla salute sono di gran lunga superiori ai rischi legati ad un aumento di peso di lieve entità, considerato, inoltre, che, sempre che si verifichi, si tratta solitamente di un fenomeno passeggero.

Inoltre, onde evitare che il cibo diventi la fonte di gratificazione alternativa al fumo si può ricorrere a cibi ipocalorici, come frutta e verdura, e cominciare un’attività fisica che aumenti i vantaggi di eliminare le sigarette dalla propria vita.

Quest’anno torna in presenza il consueto levento promosso dal CoEHAR dell’Università degli Studi di Catania, in collaborazione con il AOU Policlinico “G. Rodolico – San Marco” e LIAF Lega Italiana Anti Fumo, in occasione della Giornata Mondiale Anti Fumo dell’OMS. L’appuntamento è oggi dalle ore 9.30 alle 13.30 presso il Policlinico di Catania (comparto 8, aula CAST) per un convegno formativo che andrà in diretta anche in streaming dai canali social di LIAF e CoEHAR e sarà accessibile tramite zoom per gli operatori sanitari che richiedono ECM.

Per l’edizione 2021 il titolo del convegno è: “Covid e Fumo: strategie innovative per ridurre i danni correlati al fumo”, un momento di riflessione che sarà occasione anche per presentare i risultati dei progetti di ricerca che il CoEHAR sta conducendo in ambito internazionale sulla riduzione del danno da fumo.

Un evento che vedrà la partecipazione del giornalista de “Le Iene”, Matteo Viviani, impegnato in una lunga intervista con il professor Riccardo Polosa, fondatore del CoEHAR. In diretta su zoom anche il presidente UNICEF Italia, Carmela Pace.

Ad aprire i lavori della giornata il Sindaco della Città Metropolitana di Catania, Salvo Pogliese; il Delegato del Rettore al coordinamento della Terza Missione, Alessia Tricomi; il Direttore Generale dell’AOU Policlinico “G.Rodolico – S.Marco”, Gaetano Sirna; il Direttore CoEHAR, Giovanni Li Volti; il Presidente LIAF Lega Italiana Anti Fumo, Ezio Campagna; il Presidente dell’ordine dei Farmacisti, Giovanni Puglisi ed il Presidente dell’ordine dei medici Chirurghi e Odontoiatri, Ignazio La Mantia.

Tra gli interventi moderati dal giornalista Luca Ciliberti ci saranno: il prof. Davide Capodanno (Fumo e malattie cardiovascolari); il prof. Aldo E. Calogero (Strategie per ridurre i danni sulla salute sessuale legati al fumo); il prof. Antonio Longo (Patologie oculistiche e fumo); il prof. Filippo Caraci (Effetti neurobiologici e farmacologici della nicotina); il prof. Gaetano Bertino (Policlinico Smoke Free – le nuove frontiere); il prof. Giancarlo Ferro (Regolamentazione italiana sul vaping); la prof.ssa Margherita Ferrante (Tossicologia del fumo e dello svapo); il prof. Nando Rapisarda (Policy aziendali per far smettere di fumare nei luoghi di lavoro); il prof. Nello Cimino (Vie urinarie e patologie correlate al fumo); il prof. Pasquale Caponnetto (Incentivi e motivazioni psicologiche per far smettere di fumare); il prof. Eugenio Pedullà (Smile Study: gli strumenti utili a ridurre i danni da fumo sulla salute dentale); il prof. Gaetano Isola (Gli effetti del danno da fumo sulla salute orale); il prof. Sebastiano Battiato (Innovazioni tecnologiche per la smoking cessation); la prof.ssa Venera Tomaselli (Troina, il case study sul contenimento della pandemia); il prof. Sebastiano Battiato (Innovazioni tecnologiche per la smoking cessation). Per il Policlinico interverrà anche il Responsabile dell’U.O. Formazione e Aggiornamento dell’AOU Policlinico “G. Rodolico – San Marco”, Angelo Gambera.