Interclub a Palermo su “Patologia funzionale digestiva”

0
700

Si è tenuto presso il Golf Club Palermo Parco Airoldi, organizzato dal Rotary Club Palermo Montepellegrino, presieduto da Antonio Fundarò, congiuntamente al Rotary Club Baia dei Fenici, presieduto da Francesco Muceo, e al Rotary Club Palermo Monreale, presieduto da Liliana Ragaglia, un interclub su “Patologia funzionale digestiva”.

Relatore il ch.mo Prof. Sebastiano Bonventre, professore associato di Chirurgia Generale dell’Università degli Studi di Palermo e socio Rotary Club Palermo Baia dei Fenici del quale sarà, nel 2023/24 presidente. 

«L’obiettivo è quello di promuovere, a livello globale ed in egual misura, la condivisione e la sensibilizzazione circa argomenti con un comune denominatore: l’interesse e l’attenzione verso la conduzione di una vita salutare» ha sottolineato Francesco Muceo presidente del Club Palermo Baia dei Fenici.

«L’iniziativa è volta a celebrare e ricordare un argomento di centrale importanza per i paesi di tutto il mondo: il raggiungimento di un alto livello di benessere fisico di cui dovrebbe godere tutta la popolazione» ha precisato il presidente del Club Palermo Montepellegrino Antonio Fundarò. «Questo interclub nasce per la necessità di assicurare condizioni di vita favorenti la salute e garantire l’accesso a servizi sanitari di qualità a tutte le persone che hanno bisogno di cure» ha ribadito, nei saluti di rito, e prima della relazione del prof. Bonventre, la presidente del club Rotary di Palermo Monreale Liliana Ragaglia

Il Professore Sebastiano Bonventre – responsabile dell’ambulatorio di Motilità Digestiva – nella sua brillante relazione, scientifica e comprensibile a tutti, ha illustrato le basi fisiopatologiche dei meccanismi regolatori la motilità dei vari tratti del tubo digerente e delle loro alterazioni in corso di diverse patologie funzionali ed, inoltre, i concetti di anatomia funzionale quale base per un moderno approccio alle basi del trattamento, prevalentemente chirurgico, di esse. 

Il brillante intervento, seguito da un foltissimo auditorio, ha illustrato, con video esplicativi, e con la chiarezza espositiva che contraddistingue il professore Bonventre, le prove diagnostiche anche invasive quali manometrie digestive, pHmetrie esofagee, esofago-gastriche, gastriche, bilimetrie, impedenziometrie, PTNS; e, infine, le modalità di interpretare delle immagini endoscopiche ottenute con metodo tradizionale o con videocapsula intestinale. 

Il centro, diretto dal prof. Sebastiano Bonventre, vero luminare nel campo della motilità digestiva, è un centro di riferimento per la popolazione siciliana e per tutte le strutture assistenziali di ogni livello ivi operanti (certamente almeno della porzione occidentale dell’isola ma non solo e che vanno dall’ISMETT a tutti gli ospedali operanti sul territorio) sulle patologie funzionali digestive che, ancora oggi, sono tra le malattie maggiormente diffuse nel genere umano. Tra queste: malattia da reflusso gastroesofageo, gastroduodeniti, stipsi, incontinenza urofecale, disturbi della deglutizione come acalasia. 

Nel corso del partecipatissimo convegno di studi è stata ammessa, come socia del club Rotary Palermo Montepellegrino, su proposta del past president Mino Girolamo Morisco, il notaio Giulia Barbagallo e come soci del club Palermo “Baia dei Fenici” la Dottoressa Ines Gagliani su proposta del past president Sebastiano Bonventre e il Dott. Dino Fronzoni già Assistente del Governatore del club di Palermo Baia dei Fenici. Inoltre, sono state conferite due alte onorificenze rotariano, il Paul Harris Fellow, a due soci che si sono contraddistinti, nel corso dell’anno, per impegno Rotariano oltre quello che deve e di fatto garantisce ciascun socio. Ha affermato il presidente del club Antonio Fundarò che “il PHF è stato attribuito ad Enza Pizzolato, socia onoraria del club Palermo Montepellegrino, per avere incarnato spontaneamente e veramente, lo spirito del fondatore nelle sue più alte espressioni permettendo, ad oggi, la fornitura di 600 pasti caldi, interamente a sua spese, ai clochard e agli indigenti della città di Palermo; e al colonnello Alessandro Palazzolo per avere sostenuto, con encomiabile spirito rotariano e apprezzabile senso di servizio, non solo i progetti umanitari della Fondazione Rotary, con personali contributi, di fatto rispondendo senza esitazione e con una prontezza pregevole al mio appello, ma anche interamente il costo di un service del Club. Rari esempi come questi rappresentano per la comunità in cui operiamo, il territorio e l’umanità, modelli di virtuosismo Rotariano che farebbero emozionare anche il fondatore Paul Harris”. Presente all’evento l’assistente del governatore Vincenzo Pecoraro. 

«Il convegno, voluto dai Rotary,  è stata un’occasione per porre al centro dell’attenzione i temi legati alla salute e alla sua tutela, dalla promozione di comportamenti sani e dalla prevenzione, all’accesso alle cure sul territorio, alla sensibilizzazione sull’importanza di prendersi cura della propria salute in ogni età della vita» ha ribadito, concludendo, il presidente Fundarò nel ringraziare il prof. Sebastiano Bonventre e tutti i numerosi ospiti presenti, tra gli altri, la dottoressa Giulia Bonventre.